Feeds:
Posts
Comments

This slideshow requires JavaScript.

On September 16th, our valued partner PortTech Los Angeles, a public-private partnership dedicated to incubate and help commercialize sustainable technologies for ports and beyond, showcased the annual PortTechLA Pitch Competition open to the most exciting Cleantech startups from around the country and abroad.

At this premium event, Bridges to Italy’s client“ISTECH Publisher of Technologies”, has made its official debut in the vibrant Los Angeles Cleantech scene.

In the striking scenic Californian beauty of the Los Angeles Port, PortTechLA’s Executive Director introduced ISTECH’ highly innovative solution to the devastating effects of Los Angeles’ air pollution.  He also delineated ISTECH’s upcoming indoor and outdoor pilot projects in the Port of Los Angeles area to an audience formed by U.S. Greentech industry professionals and Cleantech investors.

“Southern California has the worst air quality in the country. Los Angeles is home to the largest port complex in the nation, which relies on diesel-powered ships, trains, and trucks to sustain its operations. Smog and diesel particulate matter pollution are linked to cancer, asthma, premature death and cardio-respiratory diseases. The elderly and children are the most vulnerable to these pollutants.” (National Resources Defense Council)

This is why, Los Angeles is the perfect launching pad for a company such as ISTECH whose mission is to neutralize the deadly effects of air pollution.

In fact, ISTECH, an Italian company based in Rome and Tuscany, has developed a technology that can greatly reduce the effects of Los Angeles’ air pollution on people.

ISTECH’s proprietary technology protected by almost 20 patents, is called APA – AIR POLLUTION ABATEMENT – and it consists of effective, scalable and sustainable air cleaners for industry and the smart cities of tomorrow.

Traditional air cleaning systems work either by absorption (using active carbon) or accumulation (using filters). APA uses neither, in fact it is FILTER-LESS.

Traditional industrial or automotive anti-pollution systems act at the source of effluence, whereas APA cleaners purify the air in urban or industrial areas, creating circles of CLEAN AIR at the level of where people breathe regardless of the sources of pollution.

APA can work by itself, in networks or alongside traditional systems increasing their efficiency and lifecycle,  It abates a wide spectrum of pollutants, is very economical to use compared to traditional filters, creates no polluting refuse, and is effective indoors and outdoors.

We are looking forward to ISTECH’s next Los Angeles’ “TOUR” in October to further convey the benefits of APA machines and kick-off the implementation of its pilot projects under the auspices of the Consulate General of  Italy in Los Angeles, very active in facilitating the success of all Made in Italy in Los Angeles, and with the active support and collaboration of PortTechLA and Bridges to Italy.

metoooA Neapolitan startup aims at becoming one of the best digital platforms for planning meetings and events.  We are a talking about Metooo, an original idea by Ferdinando Caruso, CEO of the company, and Ciro Esposito, both of them entrepreneurs from Naples, Italy.

Metooo has raised to date 60,000 euro to start and then an additional  450,000 euro from angel investors.

During the launch of Metooo’s Beta version in the 2013, Ciro Esposito immediately highlighted the difference with similar sites such as the famous Eventbrite:  “Differently to what you can do on social network sites with so-called ‘event pages’, with Metooo you can sell  event tickets online, as well as coupons linked to restaurants or hotel promotions.  Metooo – Esposito added – is also fully integrated with traditional social network sites such as Facebook”.

Pierpaolo Basso - Guest Blogger

Pierpaolo Basso – Guest Blogger

On this platform you can add a Youtube or Vimeo video or an audio track through SoundCloud.  Additionally, you can register people attending for free, especially for charity events and similar causes.  You can use it free of charge, or choose the Pro version which includes features dedicated to professional event planners.

For these founders, who began developing their project using public wi-fi connections (like McDonald’s) throughout Naples, the significance of their startup lays in its ability to promote total interaction between organizers and events’ participants.
Specifically, organizers can manage a Metooo page even from inside their own website, while modifying the layout whenever they want. At the same time, participants can boost the events with their own ideas and suggestions ’till the result is a combination of contributions from different stakeholders or, as they like to define it: “A balanced mix of  a onepage builder, social interaction, a mailing list service and a ticketing platform”.

The company’s headquarters are in Naples, but Metooo will soon inaugurate a new location in London, UK.

ITALIANI: POPOLO DI POETI, SANTI, NAVIGATORI e INVENTORI.  In quanto all’ultimo attributo, posso certificare personalmente che e’ vero, infatti, si rivolgono alla nostra associazione innumerevoli persone con idee a volte improbabili ma talvolta molto interessanti.

Tuttavia un’idea, anche se geniale, non ha valore fino a quando non la si mette in atto ma non e’ facile senno’ avremmo molti più imprenditori, mentre invece la realtà e’ che molti inventori hanno idee “nel cassetto” e pochi riescono a concretizzarle.

Quindi, cosa fare una volta che si ritiene di avere un’idea unica e brillante?

Prima di tutto bisogna capire cosa ne vogliamo fare, ovvero, vogliamo veramente perseguirla? Siamo disposti ad impegnarci per farlo? Possiamo permettercelo? Perché vogliamo attuare la nostra idea? Per diventare ricchi? Famosi?  Cosa significherebbe per noi avere successo?  Senza farsi queste domande si rischia di intraprendere un cammino che non e’ quello davvero desiderato.

Attuare un’idea e’ rischioso, pertanto la prima cosa da fare per evitare “brutte sorprese” e’ un’indagine di mercato.

Prima di lanciarvi con la fase di sviluppo della vostra idea, e’ importante scoprire se esistono altre idee simili non solo localmente ma nel mondo, poiché oggi il mercato per qualsiasi startup e’ globale.   Conviene inoltre sapere al più presto CHI SONO i vostri possibili concorrenti e se la vostra idea ha gli attributi necessari per competere.  Una ricerca presso gli uffici di brevetti puo’ rappresentare un buon inizio.

Inoltre, un’indagine preliminare tra amici, parenti e/o alcuni potenziali clienti vi permette di capire diverse cose fondamentali prima di procedere.  Uno degli errori che molti imprenditori “in erba” fanno, e’ quello di non parlare della  loro idea con nessuno, questa assoluta riservatezza porta molti al fallimento.  Sono infatti numerosi gli inventori che, per paura di essere copiati, investono i propri risparmi nello sviluppo di un prodotto in totale segreto, per poi rendersi conto che non ha mercato.

Chiedendo un’onesta opinione a chi vi circonda vi permette di valutare se la vostra idea risolve un problema e quindi esiste una domanda – come dice Paul Graham dell’acceleratore YCombinator: “make things people want.” – Chi e’ il vostro target market primario? Qual’e’ il vostro Business Model?

Sviluppare un’idea costa – Badate alle vostre finanze.

Se qualcuno vi dice che creare una startup non costa quasi nulla, non credetegli. Esistono i costi di avviamento tra i quali la costituzione di una società, la protezione della proprietà intellettuale, ecc.

Inizialmente, per ottenere dei fondi da integrare al vostro investimento, cercate di partecipare a competition che promettano premi finanziari oltre che visibilita’, anche il Crowdfunding e’ un’altra buona opzione per alcune idee e tentare la via degli acceleratori può essere un’ulteriore alternativa.

Qualsiasi sia il modo in cui decidiate di finanziare la vostra idea per portarla sul mercato, ricordate che un cattivo monitoraggio del CASH FLOW e’ uno dei principali motivi di fallimento delle giovani startup.  Pertanto, usare un buon sistema di contabilità può essere molto utile misurare l’autofinanziamento aziendale.

E adesso che siete pronti: GO DO IT!

 

 

 

Pierpaolo Basso - Guest Blogger

Pierpaolo Basso – Guest Blogger

During the month of August, when usually Italy “shuts down”, the newly elected Italian Prime Minister, Matteo Renzi, visited several regions of Italy, especially Southern of Italy.

During this explorative trip, on August 14th he posted a tweet about an innovative aeronautics enterprise located in Naples, Italy.  Mr. Renzi, called it a “startup”, but this company is already beyond the startup stage well into the industrial stage.  We are talking about K4A (Knowledge for Aviation) a company  dedicated to the R&D of helicopter technology since 2005. K4A is a private company  based in Naples (Ponticelli district), with 40 employees, as well as some of the best researchers from the University of Naples, are working on this unique project related to a new generation of light helicopters (2 seats and 4 seats).

Through CAD design, 3D modeling , experimentation with new technologies and new aeronautical solutions they are hoping to achieve the best results in the field.

copter_K4AIn 2011 they were invited to the prestigious Heli-Expo meeting in Orlando, FL, where the CFO Valentino Alaia, co-founder of K4A, and previously a University researcher in aeronautics with five years experience at the Marshall Space Flight Center in Alabama, had the chance to share his know-how with the most advanced entrepeneurs in the industry.   Other co-founders are Dario Scalella, former president of  Confapi (Italian confederation for small and medium private companies in Campania), and Luigi Napolitano, a Neapolitan engineer and scientist with teaching appointments at the University of California Berkeley and at the Sorbonne University in Paris, France.

These entrepreneurs wish that upon the media attention Renzi’s TWEET got them, they won’t remain just a Summer discovery, but that the Italian Government will actually value and support their efforts and the efforts of other small, innovative businesses such as theirs, with business friendly strategies which have been lacking in Italy for a long time.

Spesso, parlando con startupper, alla domanda: “Chi sono i tuoi clienti ideali?” ricevo risposte generiche che denotano, come e’ abbastanza naturale, che la maggior parte del tempo e delle risorse sono state impiegate fino a quel momento nello sviluppo del prodotto, la definizione del cliente ideale e’ stata invece ignorata quasi completamente.

Tuttavia, senza clienti una startup ha poche opportunità di sopravvivenza.   Ma una delle cose più difficili per un imprenditore “in erba” e’ individuare i primi clienti adatti a favorire la crescita ed il successo del suo business.

Prima di tutto, anche se un prodotto potrebbe avere un mercato illimitato, bisogna saper DEFINIRE STRATEGICAMENTE un target primario composto da quei potenziali clienti che rappresentano per la startup il maggior valore sia a livello economico che di marketing. L’obiettivo e’ di riuscire a individuare e soddisfare i primi 100 clienti per poi poter iniziare a scalare il business esponenzialmente.

Secondo un articolo pubblicato sull’Harvard Business Review ci sono TRE elementi di cui tenere conto quando si cerca di individuare i primi clienti ideali:

  1. Prospettiva: i tuoi potenziali clienti si riconoscono nella tua VISION.  Un esempio pratico ce lo offre Blake Mycoskie che ha lanciato la società di scarpe “etiche”  TOM’s, che incorpora la filantropia nel suo modello di business, donando in beneficenza un paio di scarpe ad un bimbo bisognoso per ogni paio venduto.  La storia di come e’ nata l’idea durante un suo viaggio in Argentina dove ha visto tanti bambini poveri senza scarpe, ha affascinato prima di tutto i suoi amici e parenti.  Queste persone, oltre ad essere state le prime a sostenere la sua vision di business filantropico comprandogli le scarpe, gli hanno anche suggerito dei negozi che condividevano  i suoi stessi valori e quindi erano interessati non solo a distribuire le scarpe TOM’s ma anche a diffonderne il messaggio etico presso i loro clienti.  Così, questi primi clienti accomunati da una passione per l’aspetto filantropico del business, sono stati i principali sostenitori del fondatore ed hanno contribuito alla crescita esponenziale di questa marca (che attualmente ha raggiunto un valore di circa $600 milioni).  Altri esempi di valori condivisi da famose startup (oggi colossi mondiali) con i loro primi clienti sono: la “mania” di Steve Jobs per il design che ha suscitato entusiasmo non solo negli appassionati di tecnologia ma anche in quelli che apprezzano l’estetica; per Jeff Bezos  la capacita’ di soddisfare quegli utenti che esigono la miglior esperienza d’acquisto online e’ stata il trampolino di lancio che ha reso Amazon l’e-commerce per eccellenza. Allora domandati: chi sono per te questi primi clienti che condividono la tua prospettiva?  Saranno essenziali ad aumentare velocemente la diffusione dei tuoi prodotti non solo acquistandoli  e  parlandone positivamente alla loro rete di contatti sia di persona che sui social network ma anche dandoti consigli per migliorare il prodotto, il servizio, la consegna ecc.
  2. Capacita‘: questo elemento richiede un’analisi dettagliata delle competenze nelle quali il tuo business eccelle particolarmente, quelle più difficili da riprodurre per i competitor perché fanno parte della cultura e vision che tu come imprenditore vuoi imprimere alla tua azienda.  Una volta identificate queste eccellenze, sei pronto ad esplorare quali sono quelle più importanti per i tuoi primi clienti.  Ad esempio, Google eccelle in tante cose ma l’innovazione tecnologica e’ quella a cui i suoi clienti danno maggior peso, WalMart eccelle nella logistica, ESPN nell’offerta di programmazione sportiva, Prada nel branding ecc. Insomma, scegliendo tra i tuoi punti di forza quelli che sembrano interessare maggiormente i tuoi clienti più importanti, sei pronto a posizionare il tuo prodotto in modo da attrarre quella fascia di mercato che ti apprezzerà’ maggiormente e quindi sara’ anche disposta a sostenere la tua crescita con suggerimenti costruttivi, contatti, idee, ecc.
  3. Potenziale di guadagno: questo e’ un aspetto fondamentale nella scelta del target di mercato a cui rivolgersi all’inizio perché, solo scegliendo un gruppo di clienti che oltre alla  passione per il tuo prodotto o servizio può anche sostenerlo finanziariamente, potrai investire nella tua crescita e risultare attrattivo a potenziali Venture Capitalist.  Per capire meglio come comportarsi in quest’ambito, prendiamo ad esempio il canale americano a pagamento HBO: le società di TV via cavo sembrerebbero essere i suoi clienti più logici ma, avendo esse dei costi molto bassi di sostituzione tra HBO ed altri canali simili, non possono considerarsi clienti ideali in quanto impongono margini di profitto molto ridotti.  Invece HBO ha individuato le case di produzione cinematografica come i suoi clienti più profittevoli e quindi si concentra a soddisfarne i loro bisogni nella maniera migliore.

Una volta che i tre elementi saranno stati individuati e integrati, avrai un profilo ben delineato del tuo cliente ideale da seguire, studiare, sollecitare e… coccolare.

 

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 4,293 other followers

%d bloggers like this: